Community

Workout Motivation – Come trovare la giusta motivazione sportiva

workout motivation
392views

Workout Motivation – Come trovare la giusta motivazione sportiva? Può sembrare una cosa banale ma è ciò che fa la differenza tra fallimenti e successo; soprattutto nel lungo periodo! Spesso è facile iniziare con grinta un percorso salutare ma può essere altrettanto facile perdersi per strada.

MOTIVAZIONE (motivo + azione) SPORTIVA

In psicologia, l’insieme dei bisogni, dei desideri o delle intenzioni che determinano un comportamento e che gli conferiscono forza e significato. Dopo una lunghissima giornata di lavoro, come faccio a trovare la forza di allenarmi?

WORKOUT MOTIVATION: la chiave del tuo successo

Quali sono le ragioni profonde che fanno si che donne con mariti, figli, un lavoro ed una casa da accudire si alzino prima dell’alba per fare il proprio workout ancor prima di iniziare la giornata? Proviamo a scoprirlo insieme con questo articolo!

Workout motivation, la ricompensa

Partiamo da un piccolo esperimento, chiudete gli occhi e provate a visualizzare queste tre situazioni diverse:

  1. Ricordate per un attimo l’esatto istante in cui il ragazzo o la ragazza da cui siete profondamente attratti ha avvicinato la sua bocca alla vostra per il primo, appassionato, bacio.
  2. Ora immaginate di addentare un caldo, burroso biscotto. Dolce, appagante, consolatorio biscotto.
  3. Infine vi chiedo di tornare ai tempi delle medie quando, magari anche solo per uno stupido scherzo, qualche ragazzo più grande ha inseguito voi e i vostri amici. È sicuramente successo a tutti: vi ha terrorizzato, ma una volta che siete riusciti a scappare, la corsa vi ha fatto sentire euforici.

Tutto questo per farvi capire come il nostro cervello, invaso da dopamina e altre sostanze chimiche di ricompensa, risulti sempre, sempre, condizionato da desideri primari come accoppiarsi, mangiare, lottare, fuggire, o relazionarsi con gli altri.
Non deve quindi sembrarci strano se, soprattutto i primi mesi di palestra o di home fitness, sono altissime le probabilità di sentirvi motivati da sentimenti simili a quelli provati ogni volta che avete sorpreso la persona da cui eravate attratti a guardarvi con interesse.

Evolutivamente parlando ha perfettamente senso: l’esercizio aumenta non solo il vostro sex appeal ma anche, diventando più in forma, le probabilità di vivere per arrivare a conquistare il vostro prossimo pasto.

Il nostro cervello viene quindi ingannato dai meccanismi di “piacere – centri della ricompensa” e non si rende conto che lo sport non è, di fatto, necessario per la sopravvivenza nel mondo moderno.

La resistenza del corpo

Ma, d’altro canto

Sappiamo che i meccanismi che stimolano il movimento volontario e il gioco, o in questo caso lo sport, sono probabilmente legati agli stessi circuiti neurali coinvolti nella ricerca del cibo

afferma Rodney Dishman, professore di scienze motorie presso l’Università della Georgia.

I nostri corpi si sono evoluti per risparmiare energia e resistere. Sono geneticamente programmati per limitare la perdita di grasso ed ha perfettamente senso che il nostro cervello provi a difendersi dal troppo movimento”.

Contrastare la resistenza del corpo

Come contrastare questa resistenza del tutto controproducente? La soluzione è quella di imprimere al vostro cervello la sensazione di percepire l’esercizio necessario alla sopravvivenza. In altre parole, è necessario rendere gli esercizi:

  • Stimolanti quanto correre per la vita stessa
  • Desiderabili come il sesso
  • Sublimi come addentare un biscotto caldo.

Come trovare la workout motivation

E si può fare con pochi semplici modifiche alla vostra routine.

Velocizzare gli allenamenti

Quando si scatta verso un obiettivo, così come quando i nostri antenati preistorici inseguivano una preda, il nostro cervello stimola una forte produzione di dopamina che imprime il ricordo del nostro successo e di quanto sia bello ottenere una ricompensa. Un allenamento intensivo ha un effetto simile.

Cosa fare?

Ecco un esempio: Trova una salita di circa 20 – 30 secondi di sprint, e dopo un breve riscaldamento, corri verso l’alto il più velocemente possibile. Quando arrivi in cima, fai 40 “Mountain climber” seguiti da 10 piegamenti sulle braccia, e poi torna a piedi verso il basso. Ripeti l’intero circuito (sprint, climber, flessioni, ritorno a piedi) più volte possibili in 20 minuti.

In questo modo hai un obiettivo ben visibile che sta costruendo la tua forza ti permette di raggiungere il limite più velocemente di quanto si farebbe su un terreno pianeggiante.

La passeggiata fornisce inoltre un periodo di recupero naturale in modo da permetterti di spingere durante il successivo intervallo in salita. E’ l’allenamento cardio perfetto.

Come sfruttare questa conoscenza per quanto riguarda i nostri workout? Stimolatevi costantemente: sceglietevi piccoli obiettivi facili da raggiungere e premiatevi quando ci riuscite. Non riuscite a fare nemmeno una flessione? Impegnatevi ogni singolo giorno e, quando riuscirete a farne 5, fatevi un piccolo regalo.

Se, invece, vi focalizzate sul risultato finale, soprattutto se richiede un lungo percorso, sarà facile incappare in momenti di sconforto e perdervi per strada.

Utilizzare il sesso come motivazione

Vi siete mai trovati a fare qualcosa di totalmente sgradevole per il vostro patner o la vostra compagna? Una lunga sessione di shopping, guardare una partita di calcio, sorbirvi una puntata di Grey’s Anatomy o una maratona di fantascienza in tv?

E’ il cervello che ve lo fa fare, spinto dal desiderio del sesso. La neurochimica entra in funzione per stimolarvi ed aumentare le vostre probabilità di accoppiarvi. Allo stesso modo, è possibile utilizzare il sesso come un motivatore per tenervi attivi attraverso gli allenamenti.

Facendo sport di squadra o comunque allenandovi con altri, i comportamenti primitivi che sfruttano la spinta sessuale possono avere un forte impatto sulle vostre prestazioni sportive. Secondo uno studio del Michigan State University le persone che lavorano insieme come parte di un team si allenano più duramente e più a lungo di quelli che si allenano come solisti.

La loro motivazione? Paura di essere l’anello più debole. Chiunque può godere dello stesso incremento di prestazioni allenandosi in gruppo, meglio ancora se con perfetti sconosciuti.

Cosa fare?

Scegli uno sport di squadra, allenati in una nuova palestra, confrontati con persone sempre nuove.
E nel nostro specifico? Siamo spartani, siamo un gruppo. Sfrutta la squadra: pubblica i tuoi risultati, partecipa agli eventi, metti le foto del “prima e dopo”, divertiti con noi a 360°.

Sfruttare una dolce ricompensa

C’è una ragione se abbiamo un debole per i dolci: il nostro cervello ci premia per l’ingestione di zucchero perché è una delle principali fonti di energia cellulare. Nel mondo sportivo spopolano gli energy drink che riforniscono il nostro organismo di sali minerali e glucosio.

Una ricerca effettuata nel Regno Unito ha dimostrato che un gruppo di ciclisti, dopo essersi semplicemente sciacquati la bocca con acqua zuccherata, hanno pedalato più velocemente ed hanno mostrato una maggiore attivazione di centri neurologici della ricompensa con conseguente aumento della performance finale.

Cosa fare?

Quando ti senti colpire dalla fatica e dallo sconforto limitati a sciacquarti la bocca col tuo energy drink preferito: il suo sapore dolce riuscirà ad appagarvi e stimolarvi ugualmente. Otterrete comunque la ricompensa neurochimica senza doverne pagare il prezzo calorico.

Interessante notare come lo studio ha evidenziato che i ciclisti a cui è stato dato un energy drink ipocalorico (dolcificato quindi artificialmente) non hanno ottenuto gli stessi benefici. Ma dobbiamo davvero arrivare necessariamente a questo? Non è necessario: basta imparare a gratificarci con piccoli spuntini buoni ma furbi ed a basso impatto calorico.
Abbiamo quindi analizzato motivazioni diverse tra loro, che usano spinte emotive differenti.

Come individuare la Workout motivation valida per te?

Possiamo affermare con certezza che una buona motivazione:

  1. Ci fa pensare che con l’esercizio otterremo benefici per noi utili e importanti;
  2. Fa credere che la riuscita nel raggiungere gli obiettivi prefissati dipenda da noi e non da fattori esterni che non possiamo controllare;
  3. Ci fa considerare gli obiettivi prefissati come importanti e degni del nostro impegno e del nostro tempo.

Siamo infatti demotivati quando abbiamo timore di impegnarci in un compito che può portare ad fallimento, quando pensiamo che la probabilità di fallire nel compito prefissato sia alta, quando viviamo in maniera spiacevole l’insuccesso sopportandone a fatica le conseguenze emotive.

Spezzare la spirale negativa

Ma questa spirale negativa può essere spezzata e dipende solo da noi.
La soluzione è iniziare a fare, mettendo in conto che non riuscire è una possibilità ma non l’unica.
“E se poi non riesco?”, potresti essere tentato di pensare.
“E se poi riesci?”, l’unico modo per saperlo è provare.

Workout Motivation, alcune frasi motivazionali

Hai bisogno di una piccola spinta per trovare la motivazione sportiva che alberga in te? Ecco alcune frasi di gente che ce l’ha fatta:

“Ho sbagliato più di 9000 tiri nella mia carriera. Ho perso quasi 300 partite. 26 volte, mi hanno dato la fiducia per fare il tiro vincente dell’ultimo secondo e ho sbagliato. Ho fallito più e più e più volte nella mia vita. È per questo che ho avuto successo.”
– Michael Jordan –

“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avete fatto ma da quelle che non avete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele”. Esplorate. Sognate. Scoprite.
– Mark Twain –

“La vita è il 10% ciò che ti accade e x il 90% come tu reagisci alle cose che ti accadono.”
– John Maxwell –

“Se fai quello che hai sempre fatto, otterrai ciò che hai sempre ottenuto.”
– Tony Robbins –

“Il miglior momento per piantare un albero era vent’anni fa; il secondo miglior momento è ora.”
– Proverbio-Cinese –

“Sia che tu pensi di potere o di non potere, hai ragione”
– Henry Ford –

“C’è solo un modo per evitare le critiche: non fare nulla, non dire nulla, e non essere niente.”
– Aristotele –

“Chi conosce gli altri è sapiente, chi conosce sé stesso è illuminato. Chi vince gli altri è potente, chi vince sé stesso è forte.”
– Lao Tzu –

“L’unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai. Se non hai ancora trovato ciò che fa per te, continua a cercare, non fermarti, come capita per le faccende di cuore, saprai di averlo trovato non appena ce l’avrai davanti. E, come le grandi storie d’amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continua a cercare finché non lo troverai. Non accontentarti. Sii affamato. Sii folle.”
– Steve Jobs –

La tua Workout motivation

Perché non ci racconti qual è la tua motivazione? Qual è la frase o l’evento che ha fatto scattare le molla?

Servirà a ricordarla a te stesso ed anche a farla scoprire agli altri. E’ sorprendente quanto il pensiero positivo possa essere contagioso. E allora forza: raccontaci di te nei commenti o sul gruppo Facebook con l’hashtag #miallenoperchè