Corpo Umano

Dolore alla milza durante la corsa

dolore milza corsa
957views

Il dolore alla milza durante la corsa è uno dei problemi più frequenti che assilla i runner, soprattutto i principianti.
Se ancora non sei un runner ma vorresti cimentarti nella corsa, ti proponiamo WiRun il nostro programma per imparare a correre da zero.

WiRun: imparare a correre da zero

La milza è un organo prezioso che si trova tra lo stomaco ed il rene sinistro, è parte integrante del sistema linfatico ed ha la funzione prioritaria di sostenere la risposta immunitaria dell’organismo.
Può contenere fino a tre litri di sangue ed ha il ruolo di filtrarlo per  eliminare i globuli vecchi. E’ anche in grado di combattere le infezioni creando  gli anticorpi.

Le cause del dolore alla milza

Il male alla milza, generalmente localizzato sul fianco sinistro, non colpisce solo i podisti. Tutti gli sportivi che praticano discipline di resistenza (ad esempio ciclisti e nuotatori) possono esserne vittime. Nonostante le avanzate ricerche, le cause che favoriscono la comparsa del male alla milza sono ancora sconosciute.

Le ipotesi sul dolore alla milza

Analizziamo insieme le ipotesi più diffuse sul dolore alla milza:

I globuli rossi e dolore alla milza

Una delle più comuni attribuisce il dolore ad uno spasmo della milza che cerca di immettere in circolo altri globuli rossi, necessari per far fronte all’aumentato fabbisogno di ossigeno causato dalla corsa. L’errore, abbastanza grossolano, nasce dal fatto che, essendo la milza anche una riserva di globuli rossi, si pensa che la corsa possa attivarne il meccanismo del rilascio.

In realtà, affinché tale meccanismo si attivi, è necessaria una condizione di ipossia che il principiante non raggiunge quasi mai. Questa teoria non riesce inoltre non riesce  a spiegare perché l’aumento di produzione dei globuli rossi cesserebbe proprio nel runner allenato che spesso ha un numero inferiore di globuli rossi pur avendone una  maggiore necessità.  Proprio per questi motivi è stata ormai accantonata.

Errata respirazione durante lo sport

Più probabile è invece che il dolore alla milza derivi da un affaticamento del diaframma dovuto ad una errata respirazione. Questa provoca un dolore diffuso che colpisce indifferentemente anche gli organi circostanti compressi dalla pressione dei polmoni.

Attenzione! molti principianti usano la strategia di forzare la respirazione, convinti che respirare in un “certo modo” possa favorire lo sforzo durante la corsa. A parte il fatto che ciò non è vero, molto spesso queste forzature non fanno altro che portare dolori al fegato e/o alla milza perché i polmoni comprimono inutilmente e artificiosamente i due organi.

Errata posizione durante lo sport

Una nuova teoria assicura che una cattiva posizione del corpo (principalmente una curvatura eccessiva della colonna vertebrale) può essere la causa di problemi respiratori che possono portare alla comparsa del mal di milza.

Le certezze sul dolore alla milza

Alimentazione e dolore alla milza

Il consumo di alimenti ricchi di lipidi e di fibre favorisce il mal di milza. Rispettare la regola delle tre ore, che assicura una digestione completa, per evitare sintomi dolorosi durante l’allenamento o una competizione. Non esagerare con il consumo di bevande zuccherate.

Il riscaldamento per evitare il dolore alla milza

Il riscaldamento deve essere graduale e prolungato. Specialmente con tempo molto freddo e quando il corridore è principiante o novizio.

Rimedi per il dolore alla milza

Il dolore alla milza può essere evitato, o almeno ridimensionato di parecchio, con alcuni accorgimenti. Vediamo insieme quali:

  1. Riscaldarsi bene (almeno 10′).
  2. Eseguire un allenamento coerente con il grado di forma. Il principiante dovrebbe aumentare le sedute non più del 20% ogni volta (è un errore per esempio passare da 3 a 6 km con un aumento del 100%): c’è tempo per diventare campioni.
  3. Quando sopraggiunge, concentrarsi innanzitutto sulla respirazione:
    1. Evitare le ispirazioni e espirazioni brusche. Respirare il più possibile in maniera regolare, qualunque sia la velocità e l’intensità dello sforzo.
    2. Aspirare e espirare l’aria dalla bocca, facendo lavorare la colonna d’aria. La respirazione deve venire dal ventre e non dal petto.
    3. Se il male è accertato e diventa fastidioso, premere delicatamente e gradualmente nella zona dolorante. Inspirare profondamente e interrompere il respiro per 2 / 3 secondi. Espellere l’aria in modo prolungato mantenendo la bocca aperta.
    4. Continuare solo se il dolore rimane sotto una soglia di sopportazione. In caso contrario camminare per qualche minuto (almeno 5′).

Con un allenamento costante il mal di milza tenderà a non ripresentarsi.

N.B. Il male alla milza durante lo sforzo è generalmente benigno. Tuttavia, prestare attenzione se perdura o compare durante uno stato di riposo. Potrebbe essere il sintomo di un problema cardiaco.