Corpo UmanoFitness

Ginoide o androide? Scopri il tuo biotipo

ginoide androide corpo umano
670views

Ginoide o androide: che biotipo sei? A cosa serve saperlo e come può aiutarci?
Forse non sai che, partendo dalla conformazione fisica, è possibile distinguere tra:

  • Ginoide, o fisico a pera: Accumula peso nella parte inferiore della cintura. Anche, natiche, cosce, parte dell’ addome sotto l’ ombelico.
  • Androide, o fisico a mela: Accumula grasso corporeo nella cavità addominale e nella parte superiore dell’ organismo. Viso, collo, spalle, braccia e nella parte dell’addome sopra l’ombelico

Prova a pensarci: ti è mai capitato di fare il confronto tra il tuo corpo e quello di un’amica e scoprire che, anche se avete lo stesso rapporto peso/altezza, avete magari un fisico molto diverso? Questo perchè il biotipo va ad influenzare la distribuzione del grasso corporeo. 

A cosa ci serve sapere il biotipo?

Conoscere a quale biotipo nutrizionale si appartiene può essere molto utile. Avere coscienza, e conoscenza, del proprio corpo ti consente di andare ad agire su due fattori molto importanti come

SALUTE: Devi sapere che ogni biotipo può tendenzialmente portare a patologie diverse. Sapere a quale biotipo appartieni ti consente di lavorare per prevenire le patologie per cui sei più a rischio. Ovviamente si parla di tendenza ed ipotesi ma le indicazioni sono davvero molto utili. Formulare una proiezione dello stato a cui potresti andare incontro ti permette di individuare l’evoluzione del tuo profilo salutistico.

  • Il Biotipo Ginoide Accumula grasso corporeo nella parte inferiore dell’ organismo.  Si tratta di una distribuzione adiposa tipicamente femminile perché viene influenzata degli ormoni femminili. Un consistente accumulo adiposo può predisporre a patologie osteoarticolari, vascolari venose e linfatiche.
  • Il Biotipo Androide Tende ad accumulare grasso corporeo nella cavità addominale e nella parte superiore dell’ organismo. La distribuzione del grasso in queste zone è un fattore che può portare a patologie cardiovascolari (come ipertensione arteriosa, arteriosclerosi, emorragia o trombosi cerebrale, infarto miocardico) e a patologie respiratorie. Spesso chi rientra in questa categoria russa o soffre di apnee notturne.

WORKOUT: Quando l’obiettivo è dimagrire, spesso si pensa solo a fare cardio associato a dieta. Questo ti farà sicuramente perdere peso. Il fatto è, però, che ti ritroverai più magra ma con le stesse proporzioni di partenza.

E’ molto più importante associare al cardio i pesi per riuscire a ritrovare un equilibrio. Un esempio? Se hai un fisico a pera l’ideale sarebbe lavorare per andare a contrastare culotte de cheval e cellulite ma anche ‘allargare’ le spalle per ottenere un fisico più armonioso ed elegante.

Come riconoscere il proprio biotipo

La maggior parte degli uomini sono androidi, mentre la maggior parte delle donne sono ginoidi. Ma non sempre è così! Il biotipo si individua in modo corretto con diverse tecniche di misurazione:

  • Plicometria,
  • Waist/Hip Ratio (WHR), ossia il rapporto tra le circonferenze corporee di vita e fianchi
  • BMI, Body Mass Index

Il metodo più facile, quello che puoi fare comodamente a casa, da solo ed a costo zero è  rapporto tra la circonferenza della vita e quella dei fianchi. La prima cosa da fare è prendere le misure del proprio corpo. Se non sai come farlo in modo corretto, leggi il nostro articolo Come prendere le misure del corpo. Ne bastano due:
1  Circonferenza vita: Fai passare il metro proprio sull’ombellico;
2 Circonferenza fianchi: Fai passare il metro nel punto più largo del vostro corpo 8a livello dell’articolazione coxo-femorale).
Ed ora? Come faccio a sapere qual è il mio biotipo? Ecco come utilizzare le misure:
Dividi la circonferenza vita per la circonferenza fianchi, otterrai un numero X. Poi segui i parametri messi sotto:

CIRCONFERENZA VITA : CIRCONFERENZA FIANCHI = NUMERO X

  • UOMO > 0,91 ANDROIDE
  • UOMO < 0,91 GINOIDE
  • DONNA> 0,81 ANDROIDE
  • DONNA< 0,81 GINOIDE

Caratteristiche biotipo Ginoide

l biotipo ginoide viene invece paragonato ad una pera perchè tende ad accumulare grasso su fianchi, glutei e cosce.
Il soggetto ginoide, o fisico a pera, presenta i seguenti tratti distintivi:

  • Accumulo di grasso a livello di glutei, fianchi e cosce;
  • Problemi di circolazione: capillari fragili, ristagni venosi e linfatici;
  • Cellulite
  • Metabolismo lento e difficoltà a bruciare il grasso
  • Solitamente è più attivo nel pomeriggio o verso sera.

Caratteristiche biotipo Androide

Il biotipo androide viene paragonato ad una mela perchè tende ad accumulare grasso su spalle, braccia, collo, torace, seno e addome

  • Il soggetto androide, o fisico a mela, presenta i seguenti tratti distintivi:
    • Solitamente è più longilineo
    • Accumulo di grasso a livello di addome e torace. Spesso il busto è corto
    • Predisposizione a patologie metaboliche e cardiovascolari
    • Tendenza a sentire la necessità di carboidrati ad alto indice glicemico
    • Brucia abbastanza facilmente il grasso corporeo
    • Tendenza ad avere il cortisolo alto
    • Tende ad essere più attivo la mattina o nelle prime ore del pomeriggio

Ginoide e androide, quale workout?

Sapere qual è il proprio biotipo può aiutare a prevenire alcune patologie ma può anche essere molto utile  a migliorare la propria forma fisica.mConoscendo i propri punti di forza ed i propri punti deboli sarà infatti possibile andare a lavorare per ritrovare l’equilibrio ed armonizzare la figura.

Soggetto ginoide e allenamento

Il biotipo ginoide, in linea generale, dovrebbe:

  • Fare esercizi a basso impatto che vadano a stimolare delicatamente la circolazione. Almeno in un primo momento evitare lunghe sessioni di corsa o di forzare troppo con esercizi troppo gravosi per le gambe o con troppi saltelli.
  • Preferire un allenamento da svolgere durante il picco di testosterone circadiano.
  • Eseguire esercizi dal basso verso l’alto del corpo. In pratica partite da gambe e glutei fino ad arrivare a spalle e braccia.
  • Fare camminate curando molto bene la postura in modo da facilitare il ritorno venoso e stimolare la capilarrizzazione.
  • Prediligere i workout a circuito ma, almeno inizialmente, non alzare troppo la frequenza cardiaca (meglio evitare gli hiit) per non insorgere in uno stato di acidosi locale che peggiorerebbe la cellulite
  • Allenarsi con ripetizioni per le gambe finendo però prima di arrivare allo stremo, per stimolare i muscoli senza arrivare a produrre acido lattico che favorisce la cellulite
  • Finire i workout restando per 10 minuti a gambe sollevate

Soggetto androide e allenamento

Il biotipo androide, in linea generale, dovrebbe:

  • Allenarsi durante il picco di cortisolo. Senza considerare lo stress, in linea generale, il cortisolo segue dei ritmi definiti. La produzione massima si ha nelle prime ore del mattino; si riduce dalle 9,30 alle 11,30; risale dalle 12,00 alle 13,00 per poi scendere nuovamente dalle 13,30 alle 17,00.
  • Allenarsi per almeno 35 – 40 minuti
  • Allenare intensamente la parte inferiore del corpo
  • Dato che non tende ad ingrossare la muscolatura delle gambe può utilizzare carichi pesanti anche per le gambe
  • Allenare la parte superiore del corpo con workout a circuito alternando momenti di cardio ad esercizi di tonificazione