Community

Masturbarsi per dimagrire, funziona davvero?

masturbarsi per dimagrire
299views

Masturbarsi per dimagrire, funziona davvero? A prima vista sembra proprio uno scherzo ai danni delle ormai famose mamme pancine piene d’amore o, a seconda de punti di vista, offrire un’alternativa migliore ai consorti delle poverette.

Non che ci voglia poi molto considerando che sono solite, proprio sul più bello, coprirsi la ‘fiorella’ con un cuscino o chiudere gli occhi aspettando che tutto finisca.

Sesso e dieta

Ma non si tratta di uno scherzo!  E’, invece, una vera e propria dieta riconosciuta. Si chiama Onani-Bics, dal termine onanismo e prescrive espressamente di masturbarsi per perdere peso. Ok, vi viene da ridere lo so,  ma mettiamo da parte la facile ironia e poniamoci due domande:

  1. Avete presente quando diciamo sempre che per dimagrire bisogna amare se stessi? Beh, Hideo Yamanaka, il medico Giapponese che ha ideato questa folle dieta, sembra averlo preso proprio preso alla lettera!
  2. E, ancora, avete presente quando vi diciamo che con le diete non bisogna mai cedere al “fai da te ma farsi seguire?” Beh, questa parte, invece, accantonatela. Perchè questa dieta prevede, oltre al solito stile di vita sano, frequenti incontri amorosi con se stessi.

Lo so, dovevamo mettere da parte l’ironia, ma come si fa ?

Ricordo ancora quando frequentavo i primi due anni di liceo ed il mio compagno di banco, tanto cicciottello quanto simpaticone, era dedito in maniera intensa all’autoerotismo più incontrollato.

Che fosse un precursore della Onani-Bics? Non lo sapremo mai perché non è un caso che io abbia parlato solo dei primi due anni, venne inesorabilmente segato.

Scherzi a parte, l’argomento è ancora da molti considerato tabù e riderci sopra aiuta ad affrontarlo senza tanti drammi. In fondo ci sono davvero studi che dimostrano quanto masturbarsi sia utile al dimagrimento. E non solo! I benefici per il corpo sembrano essere molteplici. Tutto testato, spero non da autodidatta, dal dottor  Hideo Yamanaka.

Dieta e masturbazione

Al punto che la famosa dieta Giapponese a base di masturbazione ideata dal direttore della Toranomon-Hibiya Clinic, è diventata famosa in tutto il mondo.

Una delle scoperte che più mi irrita, è che la dieta è più efficace per gli uomini che non per le donne! C’è una spiegazione scientifica: l’orgasmo maschile provoca l’eiaculazione che, attivando il metabolismo dei muscoli, permette al corpo di bruciare più calorie e ridurre il grasso sottocutaneo.

E c’è una conseguente scarica di rabbia femminile: chissà che non serva a compensare il gap!
Comunque, signori e signore, non pensate che sia tutto facile! Dovete applicarvi con costanza e non avrete aiuti, dovrete fare tutto da soli! Insomma, per ‘godere‘ dei benefici bisogna ‘venire‘ incontro a tutte le richieste del mendico che ha ideato la Onani-Bic.

Tra gli effetti collaterali sembra essere esclusa la cecità, quindi niente scuse e dateci dentro. Dovrete essere ‘duri‘ e puri e dedicarvi all’autoerotismo con estrema regolarità: sono infatti prescritte le classiche 3 volte al giorno per almeno 15 minuti.

I benefici del sesso

Che poi è il minimo, pure Wolke at home aumenta la durata! Prima, dopo o anche durante (perché limitare la fantasia?) i pasti. L’attività sessuale aumenta i battiti cardiaci, fa salire il livello di endorfine e aiuta a bruciare calorie!  Si è calcolato che, in media, masturbarsi per qualche minuto fa bruciare fino a 100 calorie! Senza contare che vengono coinvolti diversi muscoli: gambe, addome e glutei innanzitutto. Insomma, un mini workout da fare 3 volte al giorno. Attrezzatura libera.

Workout e gravidanza

Se temete i leggendari effetti collaterali di Body Revolution buttatevi su questo, non correrete sicuramente pericolo di ritrovarvi in attesa di un baby spartano.

“Sul sesso si cambia opinione continuamente. La masturbazione, per esempio, fino a trent’anni fa era considerata una malattia. Ora la danno come cura: – Dottore, mi sento un po’ giù, mi sento male. – Ma si faccia un bel raspone e bell’è festa finita.”

– Roberto Benigni –