CommunityCorpo Umano

Liposcultura per le adiposità localizzate.

liposcultura
115views

La LIPOSCULTURA è un trattamento basato sugli ultrasuoni. L’uso degli ultrasuoni in medicina estetica risale a alcuni decenni fa’ con l’utilizzo di ultrasuoni ad alta frequenza (3 MHz): in tale modo si riduceva la profondità d’azione. Lo scopo era quello di favorire la penetrazione di un principio attivo topico nel trattamento della cellulite.
Gli ultrasuoni generati dal sistema di liposcultura per cavitazione utilizzano invece una apparecchiatura con certificazione medicale. Questo tipo di liposcultura può quindi essere praticato solo presso studi medici.  Si tratta di ultrasuoni a bassa frequenza (30-70 KHz), e quindi in grado di penetrare in profondità nel tessuto e raggiungere lo strato adiposo.

LA LIPOSCULTURA SFRUTTA IL FENOMENO DELLA CAVITAZIONE:

La cavitazione avviene quando un liquido è sottoposto in maniera adeguata ad ultrasuono: se l’intensità dell’ultrasuono è abbastanza alta e la frequenza adeguata, può causare la formazione, la crescita, ed una rapida decompressione delle bolle di vapore nel liquido. La cavitazione (che significa appunto formazione di cavità gassose all’interno del liquido) è quindi un fenomeno consistente nella formazione di zone di vapore all’interno di un liquido, che poi collassano e implodono. Questo principio viene quindi sfruttato anche in estetica per ottenere un efficace sistema di liposcultura.
Durante il trattamento con l’onda d’urto (prodotta dall’implosione delle “bolle” di vapore all’interno del liquido interstiziale) è in grado di danneggiare solo le cellule adipose, causando la rottura della membrana cellulare degli adipociti e il rilascio nel liquido intracellulare del loro contenuto (trigliceridi), che sono rapidamente metabolizzati: il rilascio dei trigliceridi e delle scorie cellulari avviene attraverso un processo metabolico naturale e fisiologico.
E’ un sistema assolutamente sicuro: anche se il fascio di ultrasuoni viene diretto su un tessuto differente da quello adiposo, le cellule che costituiscono gli altri tessuti (muscoli, vasi ecc.) sono più resistenti e l’intensità dell’energia prodotta dall’implosione delle “bolle” non è in grado di danneggiarle.
Gli effetti prodotti dalla cavitazione sono molteplici e tutti finalizzati al miglioramento estetico e funzionale della silhouette del paziente. L’effetto di tali trattamenti è immediato: dopo la seduta si ottengono riduzioni nella circonferenza della zona trattata fino anche ad alcuni centimetri.
Tali riduzioni diventano stabili nel corso delle settimane successive, durante le quali si ha un assorbimento del grasso disciolto ed un modellamento della zona trattata.
In genere si effettuano dei cicli di trattamenti il cui numero di sedute varia a seconda dell’entità del problema e delle zone da trattare.
Si possono trattare tutti i distretti corporei interessati da adiposità o da localizzazioni anomale di tessuto adiposo (come alcuni lipomi) previa visita medica, consulenza, anamnesi del paziente e valutazione del profilo ematico di trigliceridi e colesterolo. Vi sono infatti alcuni squilibri metabolici, stati di grave obesità con patologie annesse ed alcune patologie che controindicano il trattamento.
Il trattamento di cavitazione è tuttavia un trattamento non invasivo e fondamentalmente innocuo se si esegue un’accurata visita e programmazione delle sedute. Non richiede anestesia ed è totalmente indolore, non richiede modificazioni delle proprie abitudini di vita né l’uso di farmaci o diete particolari.
Dopo la seduta è possibile riprendere immediatamente l’attività quotidiana e/o l’attività sportiva, che è anzi raccomandata.