AllenamentoFitness

30 Min Yoga – Introduzione ai chakra

80views

30 Min Yoga – Introduzione ai chakra. Worou Italia propone a tutti gli appassionati di yoga un video allenamento in compagnia della maestra di yoga Daniela.

Video pratica yoga da 30 minuti

Questo video di 30 min è una pratica completa dove iniziamo con lo scioglimento delle articolazioni e l’apertura del respiro, iniziando a concentrarci su noi stessi, sulla nostra presenza qui ed ora, lasciando andare ogni pensiero.
Ci concentriamo sulla respirazione e procediamo la pratica con le asana per la flessibilità delle gambe, schiena, braccia con passaggi dinamici e statici nelle varie posizioni.

Manteniamo le posizioni per qualche respirazione, ogni volta che espiriamo scendiamo ed entriamo un pò di più nella posizione.
Teniamo le posizioni al nostro livello, senza sentire dolore e alla difficoltà che riusciamo senza sforzare ma concentrandoci sulla nostra pratica, se la posizione ci risulta difficoltosa ci fermiamo nella posizione precedente.

In questo video proveremo a tenere la posizione della ruota – chackrasana (la posizione del ponte), se non ci sentiamo pronti manteniamo la posizione precedente Setu Bandha Sarvangasana (la posizione del ponte contratto).

Procediamo poi nella posizione capovolta Sarvangasana (posizione della candela) e dell’aratro, anche in questo caso se non riusciamo nella verticalità della candela manteniamo la mezza candela, i benefici li otteniamo ugualmente.

Terminiamo nella posizione di savasana per riposare tutte le nostre fatiche e rilassare il nostro corpo, lasciamo andare ogni muscolo e lasciamo andare libero il respiro.
Ogni posizione che pratichiamo aiuta all’apertura dei vari chakra i centri energetici che si trovano lungo la nostra spina dorsale.

Cosa sono i Chakra?

La parola chakra, in sanscrito, significa “ruota, cerchio o disco”, e rappresenta i centri energetici del nostro corpo, che hanno il compito di “ricevere e distribuire” la nostra energia vitale.

I Chakra principali sono sette e sono dei veri e propri centri energetici situati lungo l’asse centrale del corpo umano, nella parte che va dalla base della spina dorsale fino la sommità del capo.

Ognuno di loro, è associato a determinate emozioni, sensazioni, funzionalità mentali e spirituali ed in base alla posizione che occupa nel corpo viene associata una specifica ghiandola endocrina, che sono ghiandole che hanno il compito di rilasciare nel corpo gli ormoni, e la loro funzionalità è soggetta ad uno stato di equilibrio che, se compromesso, può generare stress, ansia e malfunzionamento dell’organismo.
Quando l’energia di un chakra è attiva, anche la ghiandola endocrina corrispondente, o gli organi ad essa associati, riescono a svolgere al meglio le loro funzioni vitali.

Chakra aperti o bloccati

Quando i Chakra sono aperti, l’energia fluisce liberamente verso l’alto, dando luogo a benessere fisico e psicologico.
Quando invece uno o più Chakra è chiuso o bloccato, l’energia, trovando degli ostacoli, non riesce a fluire e questo provoca disordine nel corpo, nella mente e nello spirito come ansia, depressione, stress eccessivo, o dolori cronici.

Immagina il flusso della tua energia interiore come lo scorrere dell’acqua di un fiume: quando nel letto del fiume non ci sono ostacoli, l’acqua scorre uniformemente e costantemente, alimentando la vita lungo le sue sponde.
Allo stesso modo, i tuoi organi, si nutrono di questa energia, così come i tuoi processi emotivi, mentali e spirituali.

Ora, immagina se nel letto di questo fiume iniziassero a depositarsi delle grandi pietre (stress emotivo e pensieri negativi); naturalmente il normale fluire dell’acqua sarà ostacolato e se molte pietre si accumulano nello stesso punto potrebbero venire a crearsi delle vere e proprie barriere che non permettono all’acqua di scorrere.

Allo stesso modo, quando la tua energia interiore incontra degli ostacoli e delle barriere, rallenta il suo fluire, o viene interrotta del tutto, portando gravi conseguenze negative sotto vari punti di vista, infatti l’energia potrebbe essere troppa in alcune aree e del tutto assente in altre.

Come aprire i chakra

Lo scopo della pratica dello yoga è quello di risvegliare l’energia che risiede alla base della colonna vertebrale, dove è situato il primo chakra, e di farla risalire lungo questo percorso energetico, attraversando ed illuminando tutti i chakra.
Quando un chakra viene illuminato da questa energia spirituale, che si chiama kundalini, essa lo riporta al suo regolare funzionamento, riparando i danni causati dallo stress mentale, emotivo e fisico della vita di tutti i giorni.

Ogni chakra, oltre ad avere una sua funzione, e a rappresentare aree specifiche del corpo, è associato anche a molte altre realtà: ha un proprio colore, un proprio elemento, un proprio suono (o mantra), una divinità, una pietra, un animale e un pianeta.
Abbiamo fatto una panoramica sui chakra poi ci soffermeremo scoprendo i benefici di ognuno.
Namastè Daniela