FitnessYoga

Yoga – Pratica per apertura anche e bacino

511views

PRATICA PER APERTURA ANCHE E BACINO. Una buona pratica per l’apertura delle anche e del bacino è fondamentale per il nostro benessere, in verità tendiamo ad accumulare molte tensioni negative in queste zone come lo stress ed il senso di colpa.

Questo perché questa zona è collegata al primo chackra il Muladhara e al secondo chackra Svadhisthasana, praticando delle asanas per il bacino e le anche andiamo a stimolare  l’apertura di questi  centri energetici del corpo, i chakra.

Chakra: MULADHARA


Rappresenta il nostro radicamento, le nostre certezze, la nostra capacità di restare con i piedi per terra.
Il primo chackra, ci collega al suolo, è associato all’elemento terra e a tutto quanto, come la terra, è solido e stabile. Rappresenta il radicamento, l’istinto di sopravvivenza e il bisogno di sicurezza; coltiva l’abbondanza materiale, ma anche la forza interiore. È qui che si genera l’impulso sessuale.

E’ alla base della colonna vertebrale, tra l’ano e i genitali.
Il primo chakra corrisponde alle ghiandole surrenali; controlla anche le funzioni dell’intestino, le gambe e tutte le parti solide del corpo: ossa, unghie, denti.

I benefici del Muladhara

Meditare con regolarità sul Muladhara conferisce fiducia e calma allo spirito e al corpo, stimola un atteggiamento coraggioso ed entusiasta nei confronti della vita.

Da un punto di vista fisico, un primo chakra sano favorisce la guarigione, dà ossa e denti forti, un intestino sano e regolare, può prevenire infiammazioni del nervo sciatico e problemi renali, regola la pressione sanguigna.

Un blocco del primo chakra si traduce in insicurezza, scarsa fiducia in sé stessi e apatia. All’opposto, se iperattivo si corre il rischio di attaccarsi eccessivamente ai beni materiali, di essere troppo rigidi e ostili ai cambiamenti, di indulgere in egoismo e aggressività.

Chakra: SVADHISHTHANA

Rappresenta le funzioni  legate al desiderio, al piacere, alla sessualità, alla creatività.
E’ associato alle gonadi, ai genitali, ai reni, al basso addome ed ai sistemi circolatori,  le funzioni vitali di questo chakra sono associate ai reni, nei quali viene immagazzinata la paura.

Il secondo Chakra rappresenta la nostra parte emozionale, le nostre paure, le cose che ci hanno spaventato in passato o che ci paralizzano ancora oggi.

Svadhisthana è associato all’inconscio e alle emozioni, cioè i potentissimi motori e influenzatori della creatività e della personalità. Qui riposa, dormiente, il karma delle vite passate.

Oltre che con gli organi sessuali, questo chakra è associato anche con la lingua e il gusto, e anche le mani, viene per questo anche definito il chakra degli artisti, si tratta degli artisti che lavorano con la materia o con il corpo, e quindi quelli più facilmente coinvolti o affascinati dalla sessualità: scultori, pittori, attori, ballerini, coreografi.
Durante la pratica yoga, con la respirazione è anche fondamentale praticare il Mula Bandha:

Mula Bandha, la contrazione del perineo

Il “sigillo della base”, ovvero la contrazione del perineo, è un esercizio fondamentale per salute sessuale, forza fisica e consapevolezza psicofisica. Si tratta di contrarre un punto nel perineo fra ano e genitali (come quando si trattiene la pipì). L’esercizio base è contrarre il perineo mentre si inspira, rilassarlo mentre si espira.

I benefici del Mula Bandha

Rinforza il pavimento pelvico, con grandi benefici per gli uomini, le donne e chiunque pratichi sport.

Fra i benefici per tutti: maggiore potenza e controllo sessuale, stimolo di ricambio e circolazione degli organi sessuali, prevenzione delle ernie inguinali e del prolasso anale, prevenzione di problemi urinari. Per le donne: prevenzione del prolasso uterino dopo la menopausa. Si tratta di un esercizio semplice e fondamentale. Mula Bandha può inoltre essere praticato durante qualsiasi posizione yoga, in particolare gli asana che richiedono forza, perché aiuta sia la forza, sia la concentrazione.
Buona pratica, Namastè.