AlimentazioneCibo e Nutrizione

Vitamina D3: cosa serve, dove si trova e come integrarla

vitamina d3
209views

Vitamina D3: a cosa serve? Molto spesso si sente parlare della vitamina D3, ma non tutti conoscono bene quella che è la sua azione biologica. In particolare vale la pena ricordare che si tratta di un componente fondamentale per il corretto sviluppo delle ossa.

Viene prodotta nel momento in cui ci si espone al sole e si ha così la possibilità di dare resistenza alle ossa e fare in modo che il ricambio cellulare avvenga nella maniera giusta. Se ami allenarti all’aria aperta, leggi il nostro articolo con tutti i consigli per fare sport sotto il sole.

FARE SPORT SOTTO IL SOLE, tutti i consigli

Inoltre occorre precisare che la vitamina D3 è una molecola molto importante per contrastare disturbi del sistema nervoso e a livello del sistema immunitario. Ecco perché, ad esempio, molti medici la consigliano per contrastare la depressione e l’umore basso per via del cambio di stagione.

Ma la vitamina D3 è un toccasana anche a livello neuromuscolare in quanto riesce concretamente a combattere l’artrite reumatoide ed altre patologie analoghe. Ci sono anche dei disordini metabolici che prevedono un maggiore consumo di prodotti ed alimenti contenenti vitamina D3. Questo fa capire che tale molecola va ad agire positivamente nel morbo di Graves o anche nel lupus eritematoso sistemico, giusto per citare qualche esempio.

Le fonti della vitamina D3

Garantire un corretto apporto di vitamina D3 all’interno dell’organismo è un aspetto di fondamentale importanza. Vale la pena ricordare che questa è contenuta in notevoli concentrazioni all’interno di varie tipologie di pesce e frutti di mare. La trota e il salmone sono tra i principali che contengono vitamina D3.

Bisogna anche tener presenti che non mancano le alternative: a partire da cereali e prodotti a base di soia. Infatti è stato appurato che questi alimenti contengano elevate quantità di vitamina D3 che può essere utilizzata in maniera idonea dall’organismo umano. Così come non tutti sanno che anche il tofu, ovvero il tipico dei paesi asiatici, è uno dei prodotti alimentari che contiene la maggiore concentrazione di questo componente.

Ecco perché negli ultimi tempi è stato introdotto in svariati regimi alimentari, anche per coloro che hanno necessità di smaltire qualche chilo di troppo.

Fabbisogno di vitamina D3

Ovviamente il fabbisogno giornaliero di vitamina D 3 non è sempre lo stesso per tutti. Ci sono particolari condizioni in cui è bene assumerne in più.

La concentrazione ideale da assumere ogni giorno di vitamina D3 per quanto concerne adulti e persone anziane è di 10 microgrammi. Attenzione va fatta nei neonati in cui questa vitamina è essenziale per garantire lo sviluppo fisiologico delle ossa. Si parla dello stesso fabbisogno che invece aumenta a 15 microgrammi per gli adolescenti.

L’80% della quantità quotidiana di vitamina D3 viene garantito dall’esposizione alla luce del sole, mentre solo il restante 20 fa riferimento all’alimentazione. Ma è bene ricordare anche che i casi di carenze non sono certo rari e bisogna riconoscerli in tempo in modo da intervenire nel modo giusto.

Conseguenze della carenza di vitamina D3

Ci sarà sicuramente un’aumentata escrezione di alcuni minerali come calcio e fosforo. Nei bambini potrebbero manifestarsi carenze di vitamina D3 mediante rachitismo. Mentre per gli adulti è bene prestare attenzione ad eventuali casi di osteomalacia, ovvero anomalie a livello delle ossa. Queste potrebbero evidenziare delle carenze importanti di vitamina D3.

Indicazioni per integrare la vitamina D3

Al giorno d’oggi gli integratori sono diventati una prospettiva molto interessante per garantire un corretto apporto di determinati nutrienti. Questi prodotti sono indicati soprattutto nei bambini e negli anziani dove le carenze possono essere maggiori. Oltre a considerare che anche le donne in menopausa hanno bisogno di integrare le concentrazioni fisiologiche di vitamina D3.

Stesso dicasi anche per le donne in gravidanza e in allattamento dove il fabbisogno giornaliero tende ad aumentare.
Occorre anche ricordare che l’utilizzo di integratori è consigliato anche per coloro che seguono una dieta vegetariana in quanto non vengono assunte elevate quantità di vitamina D3. Sicuramente bisogna considerare che in commercio si possono trovare svariati prodotti che vengono incontro ad ogni esigenza. Ci sono compresse effervescenti o anche compresse da deglutire, oltre a gocce, polvere, fiale e anche sciroppi.

Per i bambini ci sono anche delle caramelle gommose che contengono buone concentrazioni di vitamina D3 così da portare un concreto beneficio per la salute dei più piccoli. La posologia di questi prodotti varia in base alla persona e soprattutto a seconda di quanto viene stabilito dal medico.