AlimentazioneCibo e Nutrizione

Selenio, a cosa serve e in quali alimenti trovarlo

selenio-anacardi
2.65Kviews

Il selenio è un minerale fondamentale per il benessere del nostro organismo. Si tratta di un antiossidante molto importante per la nostra salute e anche per la nostra bellezza. E’ infatti un elemento chimico molto utile per contrastare l’invecchiamento ed è particolarmente consigliato a chi fa un percorso di dimagrimento perchè migliora l’elasticità delle pelle contrastando rughe e smagliature.

Tra gli elementi essenziali per mantenersi belle e in salute diventa di primaria importanza. Fortunatamente si tratta di un minerale semplice da assumere col cibo e, facendo una dieta varia, non servirà ricorrere all’uso di integratori. Se non sai quanto e cosa mangiare per rispettare i canoni di una dieta sana e varia, fai il test Calcola il tuo metabolismo.

METABOLISMO: fai il nostro test per sapere quanto e cosa devi mangiare

Fabbisogno giornaliero di selenio

Il fabbisogno giornaliero di un adulto è di 50, 55 mcg fino a 200 mcg. In gravidanza e durante la fase di allattamento la dose raccomandata sale rispettivamente a 60 e 70 microgrammi al giorno; più di 400 microgrammi al giorno possono provocare una intossicazione da selenio o selenosi.

Proprietà e benefici del selenio

  • Antiossidante naturale

Si tratta di un antiossidante naturale che svolge un’azione protettiva nei confronti dei radicali liberi, proteggendo l’organismo dall’invecchiamento e conservando l’elasticità dei tessuti. In quanto antiossidante, il selenio svolge dunque un ruolo di inibizione sulla produzione dei radicali liberi e sull’ossidazione di alcune molecole della membrana cellulare.

  • Selenio per contrastare le rughe e la perdita di tono della pelle

Inoltre, si tratta di un elemento imprescindibile per rallentare anche l’invecchiamento “visibile” sui tessuti, in primis sul tessuto cutaneo molto utile per contrastare rughe, smagliature e perdita di tonicità della pelle. Ecco perchè è consigliato a chi sta facendo un percorso di dimagrimento!

  • Contro il colesterolo cattivo

Il selenio è molto importante anche per coadiuvare il sistema cardiocircolatorio. Aiutando l’organismo a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo “cattivo” ti permette di ottenere numerosi benefici fisici.

  • Selenio e tiroide

Il selenio svolge una importante funzione di regolarizzazione della tiroide. La sua carenza può portare a diverse problematiche. Essendo un componente fondamentale del sistema enzimatico, è particolarmente coinvolto nel processo di trasformazione della tiroxina in triiodotironina, gli ormoni tiroidei.
Carenza e malattie dell’invecchiamento

Tutte le patologie legate all’invecchiamento e al danneggiamento cellulare causato dai radicali liberi sono spesso correlate ad una carenza di selenio.  Patologie come artrite e aterosclerosi emalfunzionamento del fegato traggono beneficio dal giusto apporto di selenio.

Carenza di selenio, sintomi a patologie

La carenza di selenio è spesso causata da cattive abitudini come fumo e alcol o da alcune patologie come, ad esempio, la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.
I sintomi riscontrati  in seguito ad una carenza sono:

  • disturbi della vista
  • mal di testa
  • asma
  • artrite reumatoide
  • nausea
  • depressione
  • infertilità maschile
  • vertigini
  • tendenza ad ingrassare

Eccesso di selenio

Attenzione agli eccessi! E’ importante non assumere integratori senza farsi consigliare da medici o farmacisti perchè un eccesso di selenio può provocare la selenosi, un’intossicazione da selenio  che, essendo un vero e proprio avvelenamento, causa:

  • diarrea
  • perdita di capelli
  • nausea
  • unghie fragili
  • sapore metallico in bocca
  • odore di aglio nell’alito
  • lesioni cutanee
  • problemi neurologici

Alimenti che contengono selenio

Le fonti di selenio, in natura, sono fortunatamente numerose e anche chi segue una dieta particolare (come potrebbe essere quella vegetariana o vegana) può comunque raggiungere facilmente il fabbisogno giornaliero.
Innanzitutto, il selenio è un minerale che si trova nel suolo. Dunque, i cibi di origine vegetale lo assorbono proprio dal terreno. La sua presenza in natura è dunque legata alle concentrazioni nel terreno. Viene assunto tramite l’alimentazione sono diversi gli alimenti ricchi di questo minerale:

  • pesce
  • carne
  • uova
  • cereali integrali
  • funghi
  • noci del Brasile e anacardi
  • pomodori, broccoli, cetrioli, cavoli
  • lievito di birra.

In commercio si trovano anche patate al selenio. Si tratta di tuberi coltivati in terreni trattati aggiungendo massicce dosi di selenio.