Corpo UmanoFitness

Magro ma con la pancia: come definire l’addome

magro con pancia
2.27Kviews

Magro ma con la pancia: come definire l’addome. Pancia gonfia e sporgente anche se sei magro? Può capitare più spesso di quanto creda! Nonostante tu sia normopeso, ti ritrovi ad avere la pancia prominente e tutti gli addominali di questo mondo non daranno i risultati sperati.

Può essere davvero frustrante allenarsi regolarmente ma non ottenere i risultati sperati. Ma qual è il problema? E, soprattutto, come rimediare?

Impariamo la lezione dall’aforisma “Se continui a fare quello che hai sempre fatto, continuerai ad ottenere ciò che hai sempre avuto” e vediamo cosa dover cambiare per sbloccare la situazione.

Magro ma con la pancia, le cause

Ogni problema ha una sua soluzione appropriata quindi cerchiamo di capire, analizzando la forma della pancia, quali sono le diverse problematiche che possono causare gonfiore.

Ti propongo un esperimento: mettiti davanti ad uno specchio ed osserva la tua pancia. Può esserti d’aiuto anche scattare una foto. Fai la stessa cosa anche di profilo. Osservandola potrai individuare quali sono le cause del tuo gonfiore addominale e quindi come porvi rimedio:

  • Gonfiore nella parte superiore:

Probabilmente è dovuto al fatto di aver ingerito parecchia aria. In questo caso i nostri nemici sono bibite gassate e gomme da masticare.

  • Gonfiore nella parte bassa:

Probabilmente si tratta di cattiva digestione.

  • Cuscinetti intorno al punto vita:

Alimentazione troppo grassa e scarsa attività fisica ne sono la causa.

  • Mancanza di tono muscolare:

Se i muscoli non sono allenati la nostra pancia risulterà flaccida. Anche una cattiva postura può accentuare questo problema.

Eliminare il gonfiore addominale e definire il tuo addome

Quante volte hai sentito dire “Gli addominali si fanno a tavola”? o anche “Serve un’alimentazione pulita”. E magari ti sei sentito doppiamente frustrato perchè tu sei magro e sai di non aver bisogno di una dieta.
Ma, escludendo il caso del grasso addominale, per alimentazione pulita non si intende necessariamente una dieta ipocalorica. Ci sono alimenti che sarebbe bene evitare anche se sei normopeso. Non tanto perchè fanno ingrassare ma perchè causano gonfiore addominale.

Come sgonfiare la pancia e definire l’addome?

Abbiamo visto quali sono i diversi fattori che possono causare gonfiore addominale. Vediamo ora come risolvere questo fastidioso problema.

Intolleranze e pancia gonfia

Il primo consiglio è di fare un check up per assicurarti di non avere problemi di intolleranze o comunque patologie a carico dell’intestino. Come prima cosa distinguiamo tra allergia e intolleranza.

  • Allergia: Si manifesta anche con una ridotta quantità di alimento assunto. È una reazione anomala del sistema immunitario, spesso causata dalla produzione di anticorpi IgE. Gli allergeni più spesso responsabili sono: pesca, crostacei, arachidi, frutta a guscio nella popolazione adulta e uova, pesce, latte e derivati nella prima infanzia.
  • Intolleranza: Non innesca una risposta del sistema immunitario ma è dovuta principalmente al difetto di un enzima presente nel nostro organismo

Attenzione! La FNOMCeO  (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) ha lanciato un allarme:

I test senza alcuna validità scientifica sono molteplici. Diffida dai vari test effettuati in farmacia in quanto non hanno alcuna valenza scientifica. Affidati  invece ad un buon allergologo evitando di perdere tempo, soldi e salute-
Prenditi cura del tuo intestino: bevi il giusto, assumi le giuste quantità di fibre. Se troppo poche possono dare problemi di stipsi, ma anche troppe possono causare gonfiore e crampi.

Dieta per sgonfiare la pancia

Se vuoi un addome piatto non basta essere normo peso! Devi mangiare bene e pulito per evitare di infiammare e, di conseguenza gonfiare, l’addome. Quando si è magri, con ogni probabilità non si ha la necessità di eliminare le calorie.

L’obiettivo è infatti quello di cambiare la composizione corporea riducendo il grasso in eccesso e aumentando la massa muscolare, non di perdere il peso complessivo.

Se calcoli che la pancia gonfia è data essenzialmente da infiammazione o fermentazione, ti sarà facile comprendere come un’alimentazione sana ed equilibrata potrà portare numerosi benefici, sia in termini di salute che estetici.  Come sempre, quando non c’è una patologia accertata, è inutile se non addirittura dannoso eliminare gruppi alimentari.

Ci sono però alimenti di cui è meglio non abusare:

  • Il cibo confezionato in genere è spesso ricco di zuccheri, farine raffinate, grassi trans e conservanti. Sarebbe davvero il caso di ridurne il più possibile la quantità assunta. Questi alimenti, già presi singolarmente, possono causare gonfiore ma se assunti in combinazione tra loro possono davvero essere deleteri.
  • Il latte, si sa, crea problemi a molte persone. Non andrebbe mai eliminato a caso ma sempre sotto controllo medico.
  • Anche le bibite gassate sono nemiche della famosa tartaruga e vanno eliminate o, quantomeno, ridotte il più possibile.
  • Spesso, anche senza rendercene conto, assumiamo una quantità eccessiva di zuccheri raffinati. Ci si può proprio assuefare al sapore dolce finendo di assumere decisamente troppi zuccheri. Prova a ridurne le quantità un po’ alla volta.
  • Anche i farinacei, sopratutto se raffinati possono dare problemi. Ma attenzione, non vuol assolutamente dire eliminare i carboidrati! Impara ad assumere più cereali in chicco e meno farinacei.  Come? Prova ad introdurre nella tua dieta riso, miglio, avena, quinoa, orzo, farro, amaranto…
  • Anche un eccesso di fibre (soprattutto se non accompagnate dalla giusta quantità di acqua) o un pasto eccessivamente ricco di legumi possono causare gonfiore addominale.

Come sempre vale il principio della moderazione. Non significa eliminare per sempre e del tutto certi alimenti. Fai un periodo di alimentazione super controllata ed avrai numerosi benefici. Ma, ogni tanto, concediti pure ciò che più preferisci. L’importante è resistere per qualche settimana in modo da ripristinare un ottimale funzionamento dell’apparato digerente.
Se cerchi un esempio di dieta pensata appositamente per avere un addome scolpito, leggi la nostra dieta per una pancia piatta.

Indice glicemico e pancia gonfia

Curare l’alimentazione significa anche tenere in considerazione gli alimenti ad alto indice glicemico. Tutti gli alimenti ad alto IG provocano un eccesso di glucosio nel sangue e, di conseguenza, stimolano un maggiore rilascio di insulina da parte del pancreas. E’ ormai noto che l’insulina tende a facilitare lo stoccaggio di adipe in zona addominale. 

Allenamenti per eliminare la pancia

Non esiste il dimagrimento localizzato ma una buona combinazione di cardio ed esercizi specifici può davvero aiutare ad avere un addome magro e tonico. Attenzione però a non esagerare per ottenere prima i risultati sperati! Allenarsi troppo causa un aumento del del cortisolo che non farà altro che facilitare l’accumulo di grasso addominale. Non sai da dove partire? Inizia col più famoso test preparato da Workout Italia che ti indica qual è l’allenamento più adatto a te: scegli il tuo workout.

Conigli per un addome piatto e tonico

No allo stress

L’eccesso di cortisolo, l’ormone dello stress, è un grande nemico della pancia piatta. Senza contare poi che le persone più emotive che tendono ad interiorizzare gli stati di ansia, soffrono spesso di gonfiore addominale. Spesso i dolori di natura emotiva sono anche più forti di quelli di natura fisica. Se sei interessato ad approfondire l’argomento, leggi il nostro articolo Dolori psicosomatici: cause e rimedi.

Alcuni aiuti extra:

Prima di assumere qualsiasi cosa, chiedi consiglio in farmacia o parafarmacia. Ti diamo comunque alcuni suggerimenti:

  • Integratori Gli integratori alimentari come il carbone vegetale, l’argilla bianca, il cumino, e il finocchio sono molto utili per contrastare la fermentazione dei cibi e la conseguente flatulenza. Si possono trovare sotto forma di capsule, tisane e compresse. Molto utili anche gli enzimi digestivi, soprattutto se associati a fermenti lattici.
  • Respirazione  La respirazione di tipo addominale, oltre ad ossigenare in modo più completo il nostro corpo, ha un effetto benefico sul tono della muscolatura dell’addome e consente di controllare ed allontanare lo stress.
  • Masticazione Masticare con calma, lentamente, possibilmente e seduti e facendo una pausa. Mangiare velocemente e voracemente facilita l’ingestione di molta aria con conseguente gonfiore addominale.